martedì 21 luglio 2015

Manichini

Uaui ci ha accompagnato per un breve giro per negozi a cercare un vestito per la mamma.

Passiamo accanto a dei manichini e Uaui rimane a guardarli con aria sospettosa. Ripassiamo accanto ai manichini e Uaui continua a fissarli allontanandosi un po'... poi mi tira a sé e...

"Papi, ma sono morti?"

domenica 1 marzo 2015

tabelline

Prendo i "grandi" a catechismo e li porto a casa. Per rendere meno monotono il percorso faccio domande sulle tabelline a sorpresa:

Ragazzi, 6x8?

Lollo (10) comincia a fare istogrammi mentali per capire l'andamento della progressione numerica e risolvere il problema.

Kiko (9) si arrabbia perchè siamo fuori dall'orario scolastico ed è un'ingiustizia che dei bambini in pre-adolescenza debbano subire compiti così gravosi dalle 18 allle 18,15

Eddy (7): 48. Altro?

Si, altro. Nel senso che la prossima volta li prendo uno alla volta, altrimenti con Lollo devo portarmi il PC e con Kiko mi trovo i sindacati in macchina...

martedì 7 ottobre 2014

Nuovo Blog

Scusate ma mi faccio pubblicità...

Come tutte le pentole a pressione che si rispettino (vedi la mia forma vagamente arrotondata), anche io ho bisogno di liberare la pressione interna... e quindi ecco a voi il blog per tutto quello che mi fa girare le Barbascatole.

http://mtyview.blogspot.it/

Non mi aspetto che tutti lo leggano o che concordino, sono solo spunti di riflessione dettati dalla gastrite galoppante.

Ciao a tutti

venerdì 3 ottobre 2014

Incubi

3 di notte.

Mi alzo per controllare i bimbi, sento qualche rumore di troppo e voglio vedere se va tutto bene. Arrivo sotto il letto di Kiko e...

"Papi, ho avuto un incubo" singhiozza lui
"Davvero, e che incubo era?" gli chiedo io.
"Un incubo tremendo! C'era un lupo, grosso, e veniva di corsa da noi"
"Nooo! E poi che faceva? Ci mangiava?"
"No Papi, tirava le arance alla lavatrice!"

Rimango un attimo perplesso...

"Kiko, ma solo alla lavatrice?"
"Si"
"Ah, beh, siamo stati fortunati, forse non sapeva che abbiamo anche l'asciugatrice!"

Non ci sono più i lupi di una volta...


giovedì 28 agosto 2014

Vedere o immaginare?

So che vedere un'immagine toglie il gusto di immaginare, l'immagine...

... Ma visto che le malefatte della squadra le potete solo immaginare, tanto vale farvi vedere chi le combina!

I nomi però li dovete associare voi ai volti, ormai non vi dovrebbe risultare difficile!

venerdì 22 agosto 2014

Rivelazione

Esistono momenti in cui un uomo deve provare di essere un vero uomo.

Uaui (4) si è conficcato una spina di riccio nella pianta del piede mentre camminava sugli scogli. Ha pianto a tal punto che ho dovuto portarlo in spalla io, scalzo e sugli scogli, altrimenti sarebbe rimasto li per tutta la notte.

Edidi (6) si è fatto un taglietto dietro al tallone; ha piagnucolato per un pomeriggio, alternando la più buia depressione a sprazzi di distacco.

Kiko (8) si è preso un lieve stiramento al polpaccio, probabilmente usando troppo le pinne. La sofferenza era visibile nei suoi occhi e tranquillamente udibile nelle sue parole per almeno tre giorni, sebbene scomparisse magicamente quando doveva inseguire i fratelli per randellarli se gli “prendevano in prestito a tempo indeterminato” i giochi.

Lollo (9) ha preso una piccola storta alla caviglia. L’hanno sentito nel paese accanto.

Nana (5)… dopo due settimane di mare sempre di corsa, senza un lamento e senza una gnola, le ho preso i piedini per metterle le calze e le scarpine chiuse e… ho chiamato il chirurgo SenzaBarbaMamma che le ha estratto dalla pianta del piede 5 spine di rovi e 3 di ricci.
A volte non sono così sicuro di avere 4 maschi ed una femmina...

mercoledì 20 agosto 2014

Meduse

Leggevo da qualche parte che le meduse più pericolose sono spesso anche le più belle, talmente colorate, affabili e delicate da risultare quasi ipnotiche… e per questo letali.
Siamo in montagna, ci stiamo ricongiungendo ai miei fratelli e relative progenie per ricordare il BarbaNonno in un momento che è sempre stato per noi importante e, come tradizione vuole, stiamo per mangiare.
Il posto che è stato selezionato per la tradizionale calata delle locuste ha un calciobalilla di fronte all’ingresso, ma è anche di fronte alla cassa, al bancone ed alla vetrina delle caramelle (e tutto quanto possa considerarsi a ragione vagamente appartenente alla categoria dei dolciumi).
Sono tutti ormai seduti mentre parcheggio, entro nel locale ed ordino per la mia squadra direttamente lì in piedi, così da recuperare tempo. La signora prende l’ordinazione, mi sorride, guarda Lollo e Kiko intenti a capire se il calciobalilla funzioni o no…
Lollo: “scusi signora, mi può dire se il calcetto funziona?”
Signora a Lollo: “certo tesoro, questo si; quello che c’è in sala invece no”.
Signora a me: “ehhh, ma che capelli che ha questo bimbo… e come è educato!”
“Ahia”, penso io.
Lollo: “scusi signora, quanto costa una partita?” … e mentre Lollo chiede anche Kiko la guarda sorridente.
Signora a Lollo: “ci vuole il gettone, tesoro”.
“Ahia”, ripenso io.
Lollo, girandosi verso di me: “Papi, ci presti un gettone?” facendo finta di non sapere per filo e per segno anche le misure del gettone che serve.
“Tesoro, adesso andiamo a pranzo, ci pensiamo dopo” gli rispondo io, guardandolo come a dire “e non pensare nemmeno a scassinare il calcetto sennò ti buco le gomme della bici e poi le riparo con i tuoi soldi”.
Tutto inutile, la preda è già morta e non lo sa.
Signora a Lollo: “ma no tesoro, lascia che papà vada a mangiare e non ti preoccupare, il calcetto ve lo offro io oggi. Tieni 4 gettoni” e gli allunga i gettoni nella mano.
Io alla signora: “ma no, non c’è bisogno…”
Signora a me: “ma scherza, sono bambini, è un piacere…”
Bambini? Piacere?
Nei successivi 20 secondi, mentre io mi giro per andare al tavolo, la signora prende coscienza del piacere di cui sopra…
Kiko scatta a mano aperta chiedendo anche lui 4 gettoni:“perché solo a Lollo?”
Lollo si gira e mi sguscia accanto volando ad informare Eddy.
Eddy arriva a mano aperta sbattendo occhi, ciglia e sopracciglia per ammaliare… con le orecchie ancora non gli riesce. “E a me?”
Nana insegue Eddy temendo di rimanere a secco, già pronta con la mano aperta.
Uaui non ha capito nulla, ma vedendo Nana che corre si tuffa nella mischia sbattendo contro gli altri.
Io mi siedo a tavola e stappo una birra.
Passa così una buona ora, tra una crescentina ed una fetta di salame, con il calcetto che rimbomba e la signora che ogni tanto passa e mi guarda, sempre più stanca e sempre più sconvolta…
Quando infine decidiamo che le locuste hanno mangiato e bevuto a sufficienza ci alziamo e lentamente muoviamo i nostri passi verso l’uscita, i bimbi ancora intenti a giocare a calcetto con le migliaia di gettoni che la signora ha dovuto elargire. Stranamente, la signora in questione ha però lasciato il posto alla madre, che ci saluta accomodandosi alla cassa, totalmente ignara del fatto che i gettoni fossero stati regalati.
E’ un attimo.
Lo sguardo di Lollo ed il mio si incrociano, ma nulla possono le mie stanche – ed appesantite - membra in confronto ai suoi guizzanti muscoli. Si avvicina al bancone, tende la mano e con il sorriso più abbagliante: “scusi, mi sono rimasti due gettoni del calcetto ma non riesco ad usarli; posso cambiarli con una tavoletta di cioccolato?”
I casi sono due: o dimagrisco e lo fermo o mi metto il cuore in pace e lascio che la medusa faccia la sua vittima. Nel dubbio, mi stappo un’altra birra.